Loading
gustavemetzger

Nizza, Remember Nature al MAMAC

Nizza, Remember Nature: Gustav Metzger in mostra fino al 14 maggio al MAMAC di Nizza. Ultimi giorni per visitare la mostra.

Leader delle avanguardie della seconda metà del ventesimo secolo, l’artista, nato nel 1926 a Norimberga, ha contribuito, all’alba del 1960, alla ridefinizione dell’arte, esplorando nuovi approcci ai grandi temi del suo tempo.

Chi è

Come molti artisti della sua generazione, tra cui i neorealisti , Metzger inizia nel 1959 a creare opere da oggetti di uso quotidiano con materiali industriali portati a deteriorarsi. Questa riflessione sulla obsolescenza e l’autodistruzione si incarna in opere come Acid Nylon Painting (1960), South Bank Demonstration (1961) che saranno evocate nella mostra attraverso gli archivi e riproposizioni delle opere stesse. Metzger è morto il 1° marzo 2017, all’età di 90 anni, solo qualche giorno dopo l’inaugurazione della mostra. 

L’esposizione è diventata un vero omaggio a questo grande artista.

La mostra

La mostra si concentra anche su uno degli innovativi aspetti di Gustav Metzger: il suo coinvolgimento nelle prime questioni ambientali. Nel 1960, Gustav Metzger  dice in uno dei suoi manifesti: “L’arte autodistruttiva dimostra il potere dell’uomo nell’accelerare il processo di disintegrazione della natura e la sua attuazione”. Nel 1970, l’artista fa girare per Londra  una macchina trasformata: Mobbile.

Mobbile

Un grande cubo trasparente contenente piante è attaccato al tetto del veicolo e collegato direttamente allo scarico. Le piante, lentamente asfissiate dalle esalazioni di gas, dimostrano un fenomeno di intossicazione mentre vivono, che altrimenti resterebbe invisibile. Molti altri progetti e installazioni seguiranno fino al suo grande progetto  Mass Media, Today and Yesterday che invita i visitatori durante la mostra a partecipare a una rassegna stampa soggettiva intorno alle grandi problematiche ambientali contemporanee.

MAMAC e l’autodistruzione

La mostra aiuta anche a far luce sulle collezioni MAMAC attraverso il tema dell’ autodistruzione. Colpito, come molti dei suoi contemporanei, dalla distruzione di massa di cui la seconda guerra mondiale fu il teatro, ma anche dalla tensione della guerra fredda e dall’inizio della gara per gli armamenti nucleari, Gustav Metzger ha scritto nel 1959 manifesto sull’arte autodistruttiva sottolineando il fascino della società occidentale per la distruzione. Allo stesso tempo, Arman presenta i suoi famosi Colère, Niki de Saint-Phalle  inventa il gesto sovversivo dello sparo sui suoi dipinti e Jean Tinguely realizza le sue sculture di macchine autodistruttive. La mostra è quindi l’occasione per una visione unicasulle grandi opere della collezione del MAMAC.

Eventi collaterali

Mercoledì 10 e sabato 13 maggio alle ore 15, animazione e spettacolo per i bambini dai 4 anni, Bulle, une odyssée. Entrata libera e senza prenotazione.

Da venerdì 12 a domenica 21 maggio, workshop con Lise Darrieula. Nel 2015 Metzger lancia un appello per una giornata di creazione. Obiettivo: lavorare attorno a temi a lui cari, come la lotta contro la sparizione di specie e risorse. L’Ecole de Condé ha colto la sfida. Ed ha analizzato le problematiche ambientali con foto, materiali di recupero. Nella Galleria contemporanea sono in mostra anche disegni, collage e dipinti.

Domenica 14 maggio alle 11 l’associazione Artisans du Monde ricorderà i differenti temi dell’opera Mass Media : Today and Yesterday (1972-2017) di Gustav Metzger. Ci sarà una presentazione delle diverse azioni dell’associazione stessa (prenotazioni lelia.mori@ville-nice.fr, 6 €).

Info

Musée d’Art Moderne et d’Art Contemporain MAMAC  – Place Yves Klein – Nice, tutti i giorni dalle 11 alle 18 – chiuso il martedì

www.mamac-nice.org

 

(nella foto in copertina, Gustav Metzger, Mobbile, 2015, Mexico, Fundacion Jumex Arte Contemporano, Credits Colin Swan)

Leave a Reply


Fatal error: Uncaught Error: [] operator not supported for strings in /home/nicenizz/public_html/wp-content/themes/cozmo/inc/functions/scroll-reveal.php:23 Stack trace: #0 /home/nicenizz/public_html/wp-includes/class-wp-hook.php(288): cozmo_scroll_reveal('') #1 /home/nicenizz/public_html/wp-includes/class-wp-hook.php(312): WP_Hook->apply_filters(NULL, Array) #2 /home/nicenizz/public_html/wp-includes/plugin.php(478): WP_Hook->do_action(Array) #3 /home/nicenizz/public_html/wp-includes/general-template.php(2895): do_action('wp_footer') #4 /home/nicenizz/public_html/wp-content/themes/cozmo/footer.php(74): wp_footer() #5 /home/nicenizz/public_html/wp-includes/template.php(722): require_once('/home/nicenizz/...') #6 /home/nicenizz/public_html/wp-includes/template.php(671): load_template('/home/nicenizz/...', true) #7 /home/nicenizz/public_html/wp-includes/general-template.php(76): locate_template(Array, true) #8 /home/nicenizz/public_html/wp-content/themes/cozmo/single.php(77): get_footer() #9 /home/nicenizz/public_html/wp-incl in /home/nicenizz/public_html/wp-content/themes/cozmo/inc/functions/scroll-reveal.php on line 23