Loading

40 cose da fare | Nizza

Benvenuti! 40 cose da fare a Nizza? Certo, ed è solo una selezione, la nostra!

Siete a Nizza per un weekend, una settimana, un mese… o fate tappa andando in Provenza o in Camargue?

Abbiamo pensato alle 40 cose da fare a Nizza, imperdibili per chi ci arriva per la prima volta (si possono scegliere le preferite) o per chi ci torna spesso, magari nella casa di famiglia. E non solo visite a monumenti, musei e piazze. Anche quello certo (vedi le nostre rubriche In giro il sito del turismo della città di Nizza per tutte le info pratiche), ma Nizza è tanto altro…

Nizza è da vivere come fanno i nizzardi, a piedi, in bici, sui roller, con un mazzo di fiori in una mano preso al mercato della città vecchia e il carrellino con la spesa nell’altra (anche se dormite in hotel, la spesa va fatta!).

In spiaggia camminate senza ciabatte sui sassi, ed entrate in acqua con nonchalance (non metteteci mezz’ora). Non mancate di farvi un apéro col Pastis, e non abbuffatevi (tanto da mangiare non c’è niente nei baretti francesi, se non le cacaoutte, spagnolette in piccole ciottole o olive provenzali piccantine). Potete sempre rifarvi nei bar a gestione italiana. E cosa dire dei frutti di mare?

plateau café
Un piatto di frutti di mare al Café de Turin

Bene, iniziamo! A voi queste 40 cose da fare Nizza.

E chissà, mandateci le vostre idee, la lista si può allungare

  1. Camminare o correre sulla Prom’: #ILOVENICE

    Che facciate una passeggiata col cane o una bella corsa, che siate in bici o coi roller, che sfrecciate sullo skate o sul monopattino, la Promenade des Anglais (la Prom’ per i Nizzardi, diventata ancora più il simbolo della città dopo gli attentati del 14 luglio) è la vostra prima tappa a Nizza. Dall’aeroporto al porto, passando dal Negresco e dal Palais de la Méditerranée, la Prom’ è il luogo del cuore della Costa Azzurra: lunga oltre 4 km, oggi delimitata dalle palme anche per ragioni di sicurezza, è il ritrovo en plein air preferito dai residenti e dai turisti. Sul lato del mare, tra il turchese del Mediterraneo e il blu del cielo, la spiaggia in ciottoli è per la maggior parte libera, con stabilimenti balneari privati discreti. Sul lato della strada, i grandi hotel e i ristoranti tengono le terrazze (terrasse in francese è la nostra veranda) aperte tutto l’anno. Alla rotonda verso il porto (Quai Rauba Capeu) trovate #ILOVENICE, il monumento-promessa d’amore a questa meravigliosa città.

  2. Fare il bagno tutto l’anno come i nizzardi

    La spiaggia, dicevamo,  è di tutti (ma non dei cani: per loro c’è l’ultima spiaggetta dedicata verso l’aeroporto, oppure chiedete alle spiagge private). Chi abita a Nizza scende al mare presto e al suono del cannone del Castello che segna il mezzogiorno saluta gli amici e risale a casa. Fare il bagno, magari andando fino alla boa e attrezzati di pinne e maschere, è un rituale non solo estivo, quando le spiagge si affollano: il nizzardo fa il bagno tutto l’anno. Fino a novembre l’acqua è calda per il tepore accumulato nell’estate. Provare per credere! Soprattutto, l’entrata in acqua deve essere sciolta: i sassi fanno parte integrante dei piedi. Ah…in molte spiagge non si può fumare: le riconoscete da una bandiera smokefree e dai cartelli prima delle scalette. Da fine marzo i bar e i ristoranti  riaprono con i loro ombrelloni e sedie sulla plage.

    plage_ombrelloni

  3. Andare in boulangerie e comprare banette, baguette, croissant e pain au chocolat

    La banette, la tradition, il torchon: tipi di baguette da provare a Nizza e in Costa Azzurra, come un po’ in tutta la Francia. Le forme allungate sono le preferite dai francesi anche al sud. La banette è un po’ più piccola e tonda, il torchon ha un rotolino alle estremità, la tradition non ha conservanti. La baguette niçoise è più grande e larga. La boulangerie a Nizza è anche il posto migliore per comprare quelle che noi chiamiamo brioche ma che sono i croissant per la colazione e dolci che non hanno nulla da invidiare alle pasticcerie. I croissant lisci sono burrosi, e il pain au chocolat con pepite e crema di cioccolato è una specie di fagottino. La brioche esiste ma è tutt’altro, tonda e compatta, un po’ come la veneziana. Ogni descrizione è inutile: entrate e provate. E questo è solo il primo incontro gastronomico per la nostra guida 40 cose da fare a Nizza...

    baguette
    Baguette e pane a un banco del mercato della Vecchia Nizza
  4. Comprare pan bagnat e vin rosé e fare un pic-nic in spiaggia

    Pan bagnat: pagnotta scavata farcita con tonno, olive, pomodoro, uovo sodo, alici, peperoni, cipolle, più altri ingredienti accessori a seconda delle boulangerie o del chioschetto dove l’acquistate. E’ il panino principe originario di Nizza. Se comprate anche un vinello rosé o bianco, vi procurate i bicchieri e andate in spiaggia potete organizzare un ricco pic-nic, pique-nique in francese (ricco, ricco… vista la consistenza del panozzo). Alternativa più leggera, più o meno: comprate o fatevi un’insalata niçoise (lattuga o songino, pomodori, tonno, uova, patate lesse, fagiolini, cipolla, acciughe, peperone, olive nere).

    pan bagnat
    Pan Bagnat, specialità nizzarda
  5. Comprare solo vin rosé e fare l’ apéro in spiaggia al tramonto

    Se siete in vena di romanticismo, la Promenade vi regala sempre un’ottima scenografia, specie al tramonto. Basta una copertina, una stuoia, un foulard da stendere in spiaggia, una bottiglia di vino e due bicchieri: ecco uno splendido e alternativo apéro. Anche i nizzardi – forse non proprio come i parigini – amano molto stare all’aperto, sul mare o su un prato, portandosi da casa il vino, per una fine pomeriggio ed un inizio di serata tra amici.

  6. Fare la spesa al Marché aux Fleurs di Cour Saleya e comprare fiori e prodotti tipici (turistico)

    Prima di imboccare le viuzze della Vecchia Nizza, dietro il Tribunale, si apre il Marché aux fleurs lungo il Cours Saleya. C’è tutti i giorni, dal mattino presto alle 17.30 (fino alle 13.30 la domenica) tranne il lunedì (vedi punto 9). Qui potete trovare una parte con decine di banchi che vendono fiori freschi e piante di ogni genere e specie a buoni prezzi nonostante si tratti di un mercato turistico. Sotto le tende a righe, soprattutto il sabato e la domenica, è quasi una tradizione comprare un mazzo di tulipani o ranuncoli. A febbraio un po’ di mimosa, e poi le rose sempreverdi. Più in là, inizia il Marché aux fruits, con bancarelle di frutta, verdura, prodotti tipici del sud della Francia, dell’entroterra di Nizza e della Provenza. E poi olio, olive, saponi di Marsiglia, fragranze per la casa.

    banco dei fiori
    Banco dei fiori al Maché aux fleurs
  7. Fare la spesa al mercato della Libération sopra la stazione, prendendo il tram per andarci (meno turistico)

    Se vi spostate più a nord, andando oltre la stazione, facendo una passeggiata di un paio di km o cogliendo l’occasione per salire sul tram, arrivate al Marché de la Libération (la fermata del tram è il capolinea). Questo è il mercato più popolare di Nizza, un po’ fuori dalle rotte turistiche, e per questo il nostro preferito. Ci si immerge in un’atmosfera autentica. E si compra frutta e verdura da scegliere e pesare in cesti di latta. La scelta varia dai produttori locali con formaggi di capra e pecora, camembert, uova e miele a bancarelle con frutti esotici. Il mercato chiude alle 12,30 e il lunedì non c’è.

    Banco di formaggi
  8. Comprare il pesce nella Vecchia Nizza e a Libération

    Sempre a Libération, c’è l‘angolo del pesce: sette, otto pescivendoli offrono i migliori prodotti del mare, freschissimi. Anche nella Vecchia Nizza, in Place Saint-François, tutti i giorni tranne il lunedì dalle 6 del mattino alla una, c’è un piccolo ma fornitissimo mercato del pesce. Se andate dopo mezzogiorno e siete fortunati, scattano anche gli sconti! Un’altra pescheria pieds dans l’eau in questo caso è alla fine della Promenade, dopo l’ultima spiaggia: si apre una piccola insenatura e trovate il cartello di vendita pesce fresco. E siamo quasi a 10…delle 40 cose da fare a Nizza!

  9. Andare il lunedì al Marché à la Brocante in cours Saleya e il sabato al Mercato dei libri

    Il lunedì i fiori lasciano il posto al Mercato del brocantage (cours Saleya e Place Pierre Gautier), con pezzi di antiquariato e modernariato di livello, ma anche piccoi oggetti per la casa stile mercato delle pulci. Si trovano – in ordine sparso e non certo esaustivo –  servizi limoges, vasi lalique specchi della nonna, affiches delle vecchie pubblicità, orecchini e collane di bigiotteria, occhiali da diva vintage, cappelli a falda larga, pizzi e merletti. Il mercato è aperto fino alle 18. Il sabato  invece i libri usati ed antichi, le rarità e le chicche per i collezionisti,  sono i protagonisti del mercato in piazza del Tribunale (in estate aperto fino alle 19, in inverno fino alle 17)

  10. Bere l’aperitivo in happy hour (di solito dalle 18 alle 20) nella Vecchia Nizza: provate il Pastis!

    Dopo una giornata al mare, ancora con i capelli bagnati e prima di andare a casa a fare la doccia, non potete non fare tappa nella Vecchia Nizza. Dalle 18 alle 20, ma in alcuni posticini anche dalle 5 alle 9, l’aperitivo è in happy hour, soprattutto per birre, bicchieri di vino e alcuni cocktail.

    Da provare il Pastis, liquore all’anice che si beve soprattutto sulla costa fino a Marsiglia da allungare con l’acqua che vi portano al tavolo.

    Ora c’è anche il Pastis di Nice, da comprare e da portare a casa (le info sulla fabbrica e il punto vendita qui). Alla fine del Cours Saleya i tavolini assolati sono l’ideale anche per fare le petit déjeuners, la colazione pigra che viene proposta in tante formule.

    Terrazze e bar pieni

    pastisdenice

  11. Bere l’aperitivo sulle terrazze dei Grand Hotel

    Molti grandi hotel a Nizza hanno terrazze all’ultimo piano aperte a tutti per un aperitivo o una cena. La vista dall’alto è incantevole, sulla Baie des Anges…Sulla Promenade ce ne sono diversi, dall’AC Marriot, con un Rooftop 360°, al Mèridien con la Terrasse del Colonial Café, dal Radisson verso l’aeroporto, dove c’è anche una piscina con supervista, al Palais de la Méditerrané, Tra il mare e Place Masséna trovate la terrazza del Boscolo Plaza. Drink con vista anche nella Vecchia Nizza all’Hotel Aston. Prezzi adeguati al panorama e al servizio…top!

    La terrazza del Méridien, Rooftop-Lounge
    La terrazza del Méridien, Rooftop-Lounge

  12. Mangiare ostriche al Cafè de Turin e scoprire Place Garibaldi

    Se vi piacciono le ostriche e i frutti di mare Nizza è il posto giusto. E tra i tanti ristoranti che li propongono, il più celebre è il Café de Turin (5 , Place Garibaldi): una vera istituzione in fatto di “ostricacultura” conosciuta in tutto il mondo. Una brasserie autentica che da oltre 100 anni offre ai clienti prodotti di alta qualità, tra cui le Ostriche Roumégous direttamente dal bacino di Marennes-Oléron. E visto che siete in zona, Place Garibaldi è un angolo caratteristico di Nizza da scoprire. Rimessa a nuovo due anni fa, la piazza risale al 1700. Al centro una statua di Garibaldi nato a Nizza e sepolto al cimitero di Parc du Château. Ogni terzo sabato del mese è organizzato il mercato delle pulci.

  13. Mangiare la socca, la Pissaladière e i ripieni, e chiedere l’eau en caraffe (acqua del rubinetto in caraffa)

    Nella Vecchia Nizza, su tavoli di legno spartani, bisogna assaggiare la socca, in pratica la farinata di ceci ligure. Si ordina al banco e si porta al tavolo. Da prendere anche i farcis, verdure ripiene con o senza carne, e la pissaladière, focaccia con cipolle e acciuga. Se non si vuole spendere molto, ricordatevi di chiedere l’eau en caraffe, la bottiglia di acqua del rubinetto. E’ gratis e i francesi la bevono sempre. Tra i chioschi e le piccole brasserie che fanno socca e ripieni i più frequentati sono Chez René Socca , Chez Pipo (dietro il porto), La Bella Socca. Comprate anche le olive ai banchi del mercato, ce ne sono di tutti i tipi.

    socca
    Le specialità nizzarde

     

    Olive di tutti i tipi nella Vecchia Nizza

  14. Noleggiare la bici e andare fino a Cagnes sur Mer

    Con le bici di Vélobleu potete raggiungere facilmente tutta Nizza, anche continuando lungo la pista ciclabile ininterrotta fino a St Laurent du Var e Cagnes sur Mer. Le postazioni sono 175 con ben 1750 bici a disposizione. Le iscrizioni si fanno sul sito, oppure al punto davanti alla stazione. Ma c’è anche la possibilità del noleggio giornaliero semplicemente seguendo le istruzioni che troverete direttamente sulle colonnine del ritiro, usando il cellulare. Le tariffe vanno da 1 € al giorno a 5€ per il noleggio, più una tariffa per l’utilizzo (la prima mezz’ora è gratis). Quindi se volete noleggiare la bici per un giorno pagherete 1€ di base. Se volete fare piccoli giri potrete lasciare la bici entro la mezz’ora e poi prenderne un’altra praticamente senza pagare più nulla. Ma per tutte le ulteriori info leggete il nostro vademecum Noleggiare una bici

    Una stazione del Velo sulla Promenade
    Una stazione del Velo sulla Promenade

     

  15. Andare a ballare

    Nizza è città universitaria e le discoteche si riempono di ragazzi di tutto il mondo, mischiati ai turisti. Sulla Prom, dalle 23 in poi, dal mercoledì alla domenica vedrete la coda per entrare all’High Club  con l’High per 20enni, lo Studio 47 per 30 enni e lo Sk’High per i Gay Party. Sono organizzate molte serate. Scoprile sulla nostra agenda Eventi.  Tra gli altri, nella Vecchia Nizza c’è il Velvet e in centro il luogo di ritrovo gay più glamour della Costa Azzurra, il Glam appuntohigh

  16. Fare un giro al porto, al faro e al quartiere degli antiquari

    Il porto di Nizza

    Il porto, all’inizio della Prom, è uno dei quartieri più animati. All’alba, se andate a correre, potrete incrociare i turisti che scendono dalle navi da crociera e che vanno a farsi un giro nella città ancora deserta. Troverete i pescatori che tornano, il traffico del mattino verso le Corniches e la parte nord di Nizza, e tanta gente che semplicemente cammina sul lato delle banchine. Se volete pranzare potrete scegliere tanti ristorantini, alcuni turistici con menu del giorno e  formule moules e frites, cozze e patatine. C’è da poco un nuovo, grande parcheggio. Potrete anche vedere yacht e vele, anche se non c’è lo sfarzo spesso un po’ cafone di altri porti. Da Nizza potrete imbarcarvi per la Corsica, il viaggio è veloce. Prendete anche la via del faro, è un posto poco frequentato e molto tranquillo. Sul lato sinistro, verso il Castello, c’è il piccolo quartiere degli antiquari con un mercato delle pulci. E’ aperto da martedì a sabato dalle 10 alle 18. Vedi anche il punto 17, 22, 30, 36 e 37.

  17. Godersi la vista dalla rotonda sul mare, fare tappa a  #ILOVENICE e alla Sedia Blu

    Sotto il castello, prima del porto, la promenade si apre in una rotonda sul mare. Da un lato il panorama è verso la città, dall’altra verso il mare aperto. Il panorama è di quelli che conciliano…E c’è una panchina in muratura sul corridoio a picco sulla baia per sedersi e ammirare. Sulla rotonda troverete uno dei nuovi simboli di Nizza #ILOVENICE.Una scritta monumento ideata dal Comune dopo i tragici attentati di luglio per condividere l’amore per Nizza. #IloveNizza è l’hastag per i social. Qui il sito per chi vuole fare un video. Scendendo verso il centro, troverete la Sedia Blu, scultura di tre metri dell’artista Sab, Sabine Géraudie. Una dichiarazione d’amore alle sedie blu della Prom’ (come la testata del nostro giornale!).

    La chaise bleue sulla Prom'
    La chaise bleue sulla Prom’

     

    La rotonda sulla Prom'
    La rotonda sulla Prom’

  18. Uscire con un libro per leggere seduti sulle sedie azzurre (consigli librerie)

    Siete in vacanze, portatevi libri! Nizza concilia la lettura: uscite di casa con un libro e sedetevi sulle sedie blu o sulle panchine bianche sotto le pergole per ripararvi dal sole. E se volete procurarvi un libro anche in italiano fate un salto alla  Librairie Masséna (55 rue Gioffredo, dietro Place Masséna) o  alla Brouillon de Culture -Sorbonne bouquinerie (23 rue Hotel des Postes).

    Librairie Massena
    La vetrina della librairie Masséna

  19. Comprare il French Riviera Pass

    frenchrivierapass
    24, 48, 72 ore per scoprire Nizza

    Per visitare 26 tra musei di Nizza, principali monumenti e attrazioni  (e sono tanti, qui tutte le info) acquistate il French Riviera Pass, la city card proposta dall’Ufficio Turismo (se volete andarci di persona, gli uffici si trovano sulla Prom’s, sulla Promenade du Pallion e davanti alla stazione ). La carta si può comprare anche online con uno sconto. Il risparmio è notevole se volete fare tante cose in poco tempo. Tre le tipologie: 24h per 26€, 48 h per 38€, 72h 56€. Comprende anche vantaggi per attività sportive e sconti in negozi. Con 4€ in più si viaggia su tutti i mezzi del trasporto pubblico.

  20. Andare una sera all’Opéra

    Il Palazzo dell’Opéra di Nizza risale al 1883. Si può entrare con visite guidate, ma il miglior modo resta quello di comprare un biglietto e assistere a un concerto, un balletto o un’opera. Sono organizzati anche spettacoli per i più giovani e conferenze. Consultate il nostro calendario o la pagina di musica.sala dell'opera

  21. Volare col paracadute e godersi una vista mozzafiato

    D’estate, il paracadute ascensionale decolla ogni tre quattro minuti. Si sta in aria sette minuti, si scende in acqua nel mezzo del mare, si risale e si vede un panorama mozzafiato. Glisse Evasion ha il paracadute giallo e si trova a metà Prom’s, sulla spiaggia davanti al Negresco, il Nikaia Glisee  è davanti all’Opéra. E siamo oltre la metà delle…40 cose da fare a Nizza!

    session-parachute-ascencionnel-

  22. Visitare la storica Confiserie Florian

    L’ingresso della Conféterie

    La Confiserie Florian (14, Quai Papacino, ingresso davanti al porto) è il luogo dei gourmand e dei golosi. E’ aperta dal 1974 e potete assaggiare frutta candita, clementine confis, marmellate, cioccolato, fiori cristallizzati. E’ possibile partecipare anche a visite guidate e laboratori per creare dolci prelibatezze.

  23. Fare shopping nell’isola pedonale, in Avenue Médecin e nella Vecchia Nizza

    Per fare shopping non avete che l’imbarazzo della scelta. Nell’isola pedonale di Rue de France si alternano negozi di abbigliamento, scarpe e souvenir, tra cui grandi catene. In Place Masséna trovate le Galérie Lafayette. Imboccando Avenue Jean Médecin, su entrambi i lati, negozi di ogni genere e caffè vi accompagnano fino alla stazione (in pratica anche questa zona è diventata pedonale con il passaggio centrale del tram). A metà via c’è Nicetoile, un grande magazzino multimarca, con boutique e ristoranti. Nella Vecchia Nizza invece potete acquistare souvenirs, lavanda, saponi, biscotti provenzali in negozietti aperti fino a tardi, soprattutto d’estate. Da non perdere anche i pastifici con ravioli e gnocchi fatti in casa.

    Galeries Lafayette

  24. Fare shopping nei negozi vintage

    Anche a Nizza la moda parigina dei negozi vintage (seconda mano e anche capi e borse di alta moda) sta prendendo piede. Solo per darvi qualche indicazione (ma seguirà un pagina specifica con tutti gli indirizzi) potete entare da Caprice Vintage nella Vecchia Nizza. Oppure  Boutique Mademoiselle in Rue de France (abiti, borse, oggetti di lusso e antiquariato). La Baraque Vintage ha la formula di vendita al kilo (sempre nella Vieux Nice).capricevintage

  25. Venire a Nizza per  Carnevale (dal 16 febbraio al 2 marzo 2019)

    Anche se non vi piace il Carnevale, quello di Nizza è un’altra cosa. E lo è soprattutto per le battaglie dei fiori (da ogni carro vengono lanciati da 80 a 100.000 fiori al pubblico). Il prossimo appuntamento 2019 avrà come tema il “Re del cinema” dal 16 febbraio al 2 marzo. E’ presto? Non tanto. Le prenotazioni degli hotel e delle manifestazioni vanno esaurite in fretta. Ed organizzarsi con anticipo significa anche risparmiare. Info quiBATAILLE DE FLEURS

  26. Bere un drink al bar del Negresco

    hotel-negresco-nice-la-rotonde-31
    Interno del bar brasserie La Rotonde

    Il Negresco è uno dei luoghi magnifici di Nizza, un gioiello dell’ospitalità. La sua facciata bianca, le cupole rose nel cielo azzurro. Un hotel simbolo in poche parole. Anche se non soggiornate qui potete visitare la hall  (chiedere al consièrge in costume all’ingresso), bere un drink al Bar du Negresco, cenare al ristorante Chantecler o alla Brasserie La Rotonde.

    Interno del Negresco
    Interno del NegrescoPortare i bambini a giocare sulla balena di legno (Promenade du Paillon)

     

  27. Portare i bambini a giocare sulla balena di legno (Promenade du Paillon)

    Il parco della Promenade du Paillon (vedi anche punto 28) è una vera manna dal cielo per le famiglie. Un giardino dove i bambini si divertono da matti, con le fontane da terra calpestabili che d’estate si trasformano in una sorta di parco acquatico e con l’area giochi. La balena in legno sormontabile, il polpo altalena, i granchi e i pesci di ogni sorta sono presi d’assalto dai piccoli. Intorno, panchine e prati rendono questo spazio unico per trascorrere pomeriggi alternativi alla spiaggia d’estate (molto frequentato anche in inverno).

     

    La balena sulla Promenade du Paillon - area giochi
    La balena sulla Promenade du Paillon – area giochi

     

  28. Scoprire parchi e parchetti

    Nizza non è solo mare. Se volete prendervi una pausa dal sole, scegliete un parco. La Promenade du Paillon è lunga un km e 200 metri e sale dal mare fino a Place Garibaldi. Dodici ettari di essenze, piante, arbusti, fiori e prato, con panchine e fontane. In rue Victor Hugo si apre un giardinetto tranquillo. Se vi spostate a nord, nel quartiere residenziale di Saint-Maurice, trovate il Parc Chambrun con il tempio dell’amore. A Cimiez ecco il Jardin des Arènes con i suoi ulivi secolari, scenografia perfetta di tante manifestazioni. Da qui si accede anche al Museo Matisse, alla chiesa e al chiostro del Monastero di Cimiez, al museo archeologico (vedi punto 30). Oltrepassato il porto si trova il Parc Vigier con bellissime palme sul mare.

    Parc Chambrun con il tempio dell’amore

  29. Visitare il Parc Phoenix

    parccphoenix
    Il palmeto

    Pronti per incontrare pappagalli, fare un giro nella serra tropicale umida e scoprire tutto sugli ecosistemi? Siete nel posto giusto: il Parc Phoenix è unico nel panorama europeo. ha 3mila animali rappresentati per 150 specie diverse di mammiferi, uccelli, rettili, anfibi, pesci, insetti e coralli. Presenta 2500 specie di piante di cui alcune rare nell’ambiente mediterraneo. Il diamante verde è la serra di forma piramidale, una delle più grandi d’Europa che ricostruisce sei clima tropicali.

  30. Farsi un giro a Cimiez e Mont Boron

    Salire in collina a Nizza è molto rilassante (potete usare la bici se siete allenati). Due quartieri in particolare, con vista sugli ulivi e sulla baia, sono assolutamente consigliati. A Cimiez (ci arriva il bus 22) trovate scorci di ville tra le più belle della Costa Azzurra. Qui si trovano  il Museo Matisse, il Museo Archeologico , il Monastero di Cimiez con lo splendido giardino. Mont Boron è l’altro quartiere esclusivo di Nizza, con dimore e ville storiche. Qui iniziano anche i sentiero del Parc Forestier , una macchia di foresta mediterranea di 54 ettari con oltre 11 km. di sentieri. Con i bambini, non perdetevi il Parc Castel des deux Rois (32 av du Mont-Alban), con giochi, prati e palme

  31. Camminare oltre il porto verso Villefranche.

    Se oltrepassate il porto, imboccate il sentiero del Cap de Nice. Una passeggiata che vi farà stare a contatto con le onde. Potete poi continuare sul sentiero litoraneo che congiunge il Cap de Nice a Villefranche. Mettetevi scarpe comode perché il sentiero fa su e giù con gradini. Quando il mare è agitato i due sentieri sono chiusi, essendo proprio a bordo mare. Potete anche ricongiungervi al parco di Mont Boron.

  32. Fare un giro sulla Grande Corniche come in Caccia al Ladro

    Sono tre corniches parallele, tre strade a tre altezze diverse che collegano Nizza a Montecarlo: una sul mare, una media e poi una più in alto, scavata nella roccia, la più panoramica e sinuosa: la Grande Corniche dove Cary Grant e Grace Kelly sfrecciavano a bordo di una cabrio in Caccia al ladro. Se arrivate in Costa Azzurra su una bella decapottabile non potete non seguere quelle belle curve (vedi anche le 40 cose da fare in Costa Azzurra per tutte le tappe). Lungo la strada trovate l’Osservatorio (vedi punto 33).Grande corniche

  33. Salire all’Osservatorio

    L’Osservatorio fu progettato nel 1881 da Garnier, lo stesso architetto dell’Opéra di Parigi. Ha la cupola mobile più grande d’Europa. Sempre legata…a Parigi, fu creata infatti da Gustave Eiffel. Potete partecipare ad una visita guidata (è obbligatoria la prenotazione, qui tutte le info). Le visite sono alle 14.45 il mercoledì e il sabato pomeriggio tutto l’anno. Il panorama è assicurato, oltre alle tante curiosità scientifiche e astronomiche!

  34. Comprare i biglietti per il Nice Jazz Festival (16-21 luglio 2018/ 70esima edizione)

    Il Nice Jazz Festival è atteso ogni anno da migliaia di appassionati. E’ una delle migliori rassegne del panorama europeo.  Nel 2017 la musica ha avuto note speciali, ricordando le vittime del 14 luglio 2016 e guardando al futuro. L’appuntamento è stato un grande successo di pubblico al Théatre de Verdure – Place Masséna. Per il 2018 il festival sarà dal 16 al 21 luglio (info e aggiornamenti qui). Come per il Carnevale meglio portarsi avanti con gli acquisti, e con la prenotazione degli hotel. Il programma  dei concerti jazz legati al festival, per i mesi tra settembre e dicembre, sono consultabili nella nostra sezione musica.

  35. Comprare Nice Matin (in edicola o in spiaggia) e berci un caffè

    Nice Matin è il quotidiano della Costa Azzurra ed è un’istituzione. Lo trovate in edicola, certo, ma anche in spiaggia venduto direttamente “a mano” dai ragazzi. Quindi se siete sotto l’ombrellone è una comodità. E se siete in giro, sedetevi a un tavolino e bevetevi un caffè, come veri nizzardi.nicematin

  36. Affittare una voile o fare diving

    Superato il porto, troverete il Circolo nautico di Nizza con l’Aigle Nautique. Qui potete noleggiare una vela (grande o piccola a seconda della vostra esperienza) ed uscire in mare.  Vedrete Nizza da una prospettiva unica. Potete anche partecipare a escursioni diving o snorkelling alla scoperta dei fondali marini. Se vi piace nuotare con maschere e pinne potete fermarvi sulle rocce sotto il faro. Da qui ci sono scalette che scendono in mare. Se è piatto potete farvi un bel giro verso gli scogli. Molti pesci si vedono anche alla spiaggia sotto il castello.

  37. Andare in barca all’Isola Sainte Marguerite e alle Isole Lerins e  Saint Honorat

    sainte-marguerite
    Isola Sainte Marguerite

    Dal porto di Nizza partono molti battelli e traghetti per le isole di fronte alla Costa Azzurra. Quelle più vicine sono le isole di Lérins,  (che unisce i misteri della Maschera di Ferro alla quiete dei monaci cistercensi). Un piccolo arcipelago che comprende le isole Sainte Marguerite e Saint Honorat e alcuni isolotti disabitati. Potrete così partecipare a escursioni di un giorno, in oasi naturalistiche con un mare cristallino che  ospitano anche importanti monumenti storici. Partenze anche da Cannes (vedi anche 40 cose da fare in Costa Azzurra).

  38. Comprare la Galette des Rois all’Epifania

    Se siete a Nizza per le vacanze di fine anno vedrete nelle vetrine di panetterie e pasticcerie un dolce con una corona sopra. E’liscio o con  granelli di zucchero e frutta candita. Ecco la Galette des Rois, fatta in tanti modi (di solito frangipane o sfoglia). Va molto per l’Epifania, anche se in Francia non si festeggia. Attenzione all’interno, c’è una sorpresa. Il più fortunato troverà un piccolo oggetto (statuina, animaletto) e diventerà…regina o re per un giorno. Come vuole la tradizione che affonda le radici nei tempi lontani (la corona va messa in testa!).

    gallettedesrois
    Gallette des rois in vetrina

  39. Leggere tutti i giorni NiceNizza per vedere cosa fare

    E ora che avete scoperto NiceNizza leggetelo tutti i giorni, se state tanto in città o se ci abitate. Il nostro è un quotidiano online, che come dice la parola stessa viene…aggiornato!

  40. E infine…fare un bel giro in Costa Azzurra! (e qui vedi le 40 cose da fare in Costa Azzurra)

Buon divertimento!

Maria Elena Catelli

mecatelli@nicenizza.it

(aggiornamento: aprile 2018)


Fatal error: Uncaught Error: [] operator not supported for strings in /home/nicenizz/public_html/wp-content/themes/cozmo/inc/functions/scroll-reveal.php:23 Stack trace: #0 /home/nicenizz/public_html/wp-includes/class-wp-hook.php(288): cozmo_scroll_reveal('') #1 /home/nicenizz/public_html/wp-includes/class-wp-hook.php(312): WP_Hook->apply_filters(NULL, Array) #2 /home/nicenizz/public_html/wp-includes/plugin.php(478): WP_Hook->do_action(Array) #3 /home/nicenizz/public_html/wp-includes/general-template.php(2895): do_action('wp_footer') #4 /home/nicenizz/public_html/wp-content/themes/cozmo/footer.php(74): wp_footer() #5 /home/nicenizz/public_html/wp-includes/template.php(722): require_once('/home/nicenizz/...') #6 /home/nicenizz/public_html/wp-includes/template.php(671): load_template('/home/nicenizz/...', true) #7 /home/nicenizz/public_html/wp-includes/general-template.php(76): locate_template(Array, true) #8 /home/nicenizz/public_html/wp-content/themes/cozmo/page.php(44): get_footer() #9 /home/nicenizz/public_html/wp-includ in /home/nicenizz/public_html/wp-content/themes/cozmo/inc/functions/scroll-reveal.php on line 23